Santa Maria Francesca delle cinque piaghe. La santa dei quartieri di Napoli.pdf

Santa Maria Francesca delle cinque piaghe. La santa dei quartieri di Napoli PDF

Massimiliano Taroni

Maria Gallo nasce a Napoli il 25 marzo 1715 in una semplice famiglia di artigiani. Sin da piccola inizia a frequentare la chiesa di Santa Lucia al Monte, tenuta dai Francescani Alcantarini. Ben presto manifesta lintenzione di consacrarsi al Signore contro i progetti del padre violento. Pur subendo maltrattamenti e privazioni, non cede e alla fine riesce a coronare il suo sogno: l8 settembre 1731, nella sua casa, veste labito del TerzOrdine Francescano Alcantarino, prendendo il nome di Maria Francesca delle cinque piaghe di Nostro Signore Gesù Cristo. Nella sua vita si susseguono sofferenze fisiche e morali. Maria Francesca è ammessa ai voti religiosi nel Natale 1741. Insieme ad una compagna, Maria Felice della Passione, ella va ad abitare presso la casa di don Giovanni Pessiri, suo direttore spirituale. Maria Francesca beneficia di carismi soprannaturali, come la profezia, e sperimenta vari fenomeni mistici. Spira serenamente il 6 ottobre 1791.

06/12/2014 · "Nei Quartieri Spagnoli, cuore del centro storico di Napoli, in Vico Tre Re a Toledo c'è un piccolo santuario, dedicato a Santa Maria Francesca delle cinque piaghe di Gesù Cristo, prima donna

7.74 MB Dimensione del file
8866714682 ISBN
Gratis PREZZO
Santa Maria Francesca delle cinque piaghe. La santa dei quartieri di Napoli.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.thebestoftexasbarbecue.com o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Ricorre oggi, 6 ottobre 2014, la festa di S. Maria Francesca delle Cinque Piaghe, grande Santa Napoletana del XVIII sec., mistica, stigmatizzata ed anima vittima per la conversione dei peccatori e per la liberazione delle Anime Purganti. Santa Maria Francesca, al secolo Anna Maria Rosa Nicoletta Gallo, nacque a Napoli il 25 marzo 1715 nella popolare… Nell’era delle inseminazioni artificiali e delle fecondazioni assistite c’è ancora chi si affida alla divina provvidenza . A Napoli è diffuso il cosiddetto culto della Sedia della fertilità o Sedia Santa o, ancora, Sedia della fecondità. Si tratta di una sedia presente nella piccola chiesa di S. Maria Francesca, struttura situata nei vicoli dei Quartieri Spagnoli.

avatar
Mattio Mazio

9 feb 2019 ... Sabato 9 febbraio 2019, la parrocchia San Vito Martire in Ercole (CE) vivrà un ... Santa Maria Francesca delle cinque piaghe, Compatrona di Napoli e prima ... “La Santa dei quartieri”, così come ancor oggi è definita, nacque e ...

avatar
Noels Schulzzi

MARIA FRANCESCA delle Cinque Piaghe, santa. – Sotto questo nome è venerata Anna Maria Gallo, quarta figlia di Francesco e Barbara Basinsi (Basingi), che, battezzata il 28 marzo 1715, era nata a Napoli due giorni prima, il 26 marzo, anche se una successiva tradizione volle retrocedere la sua nascita al 25, facendola così coincidere con il giorno dell’Annunciazione.

avatar
Jason Statham

5 feb 2009 ... Siamo nei Quartieri Spagnoli di Napoli, Vico Tre Re a Toledo, qui la chiamano la casa della “Santarella“, Maria Francesca delle Cinque Piaghe di ... 12 gen 2018 ... Per capire la devozione verso questa santa bisogna entrare nel dedalo di vicoli e panni stesi dei Quartieri Spagnoli di Napoli. Qui al numero ...

avatar
Jessica Kolhmann

10/10/2011 · Appena si entra nel Duomo di Napoli, sulla sinistra, c’ è una cappella dedicata a Santa Maria Francesca delle Cinque Piaghe, prima donna napoletana ad essere santificata: sono in pochi a saperlo, ma Lei, insieme a San Gennaro è Ccompatrona della città. In effetti, per capire la devozione verso questa santa non è al Duomo che bisogna andare, ma arrampicarsi in quel dedalo di vicoli e