Abbiamo quaranta fucili, compagno colonnello.pdf

Abbiamo quaranta fucili, compagno colonnello PDF

Sándor Kopácsi

La Storia diventa un romanzo poliziesco nel racconto del capo della polizia di Budapest durante la rivolta del 1956. Il giovane operaio Sándor Kopácsi si distingue tra le file della Resistenza contro i tedeschi, finché lintervento delle truppe sovietiche segna per lui linizio di una folgorante carriera nel nuovo Stato socialista. Appena trentaduenne e già questore di Budapest, nel 1956 deve affrontare la rivolta popolare, questa volta dallaltra parte della barricata. Kopácsi si muove nelle strade di una città inquieta, dove coloro che sono bollati come controrivoluzionari fascisti sono in realtà colpevoli solo di volere la fine di un regime totalitario che si macchia di delitti tanto atroci quanto incomprensibili. Tra bombe molotov, invasioni di carri armati, raffiche di mitra, il protagonista agisce come in un giallo, alla ricerca della verità, sempre incerto sulle intenzioni dei suoi interlocutori: insorti, soldati dellesercito, consiglieri russi e politici ungheresi tramano per la conquista del potere. Gradualmente il questore di Budapest passerà dalla parte dei ribelli e resterà al loro fianco. Un documento unico e avvincente sui fatti realmente accaduti nei dieci giorni dellinsurrezione di Budapest, scritto da un uomo che fu al centro della mischia e che solo ventanni dopo ha potuto prendere la parola, dopo essere sfuggito alla condanna a morte.

31 mar 2019 ... Nel 1878 la colt rese disponibile i propri revolvers modello 1873 Single Action anche in calibro 44-40 Winchester: l'intercambiabilità delle ...

1.29 MB Dimensione del file
8866327697 ISBN
Abbiamo quaranta fucili, compagno colonnello.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.thebestoftexasbarbecue.com o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Abbiamo quaranta fucili, compagno colonnello Dal mondo: Amazon.es: Sándor Kopácsi, A. Trezza: Libros en idiomas extranjeros

avatar
Mattio Mazio

RUTTINI Casimiro, ten. colonnello ris. aeronautica - pilota dott., ingegnere. Roma ... viso coperto dal sangue e da brandelli di carne del compagno ucciso, nonostante che ... coraggiosi nel trinceramento avversario e vi catturava altri quaranta ... corpo e, fidando più sul loro cuore saldo che sui pochi fucili di cui erano armati ...

avatar
Noels Schulzzi

Abbiamo quaranta fucili, compagno colonnello: La Storia diventa un romanzo poliziesco nel racconto del capo della polizia di Budapest durante la rivolta del 1956.Il giovane operaio Sándor Kopácsi si distingue tra le file della Resistenza contro i tedeschi, finché l'intervento delle truppe sovietiche segna per lui l'inizio di una folgorante carriera nel nuovo Stato socialista. Abbiamo Quaranta Fucili Compagno Colonnello è un libro di Kopacsi Sandor edito da E/O a settembre 2016 - EAN 9788866327691: puoi acquistarlo sul sito HOEPLI.it, la grande libreria online.

avatar
Jason Statham

Abbiamo quaranta fucili, compagno colonnello : i ricordi di Sándor Kopácsi, questore di Budapest nel 1956 / Sándor Kopácsi ; testimonianza raccolta da Tybor ; traduzione di Angela Trezza ; postfazione di Aldo Natoli Roma : Edizioni e/o, 2006 Monografie

avatar
Jessica Kolhmann

25/05/1989 · Abbiamo quaranta fucili, compagno colonnello book. Read reviews from world’s largest community for readers. Un documento unico e avvincente sui fatti rea La Storia diventa un romanzo poliziesco nel racconto del capo della polizia di Budapest durante la rivolta del 1956. Il giovane operaio Sándor Kopácsi si distingue tra le file della Resistenza contro i tedeschi, finché l'intervento delle truppe sovietiche