Il Museo degli Argenti. Collezioni e collezionisti.pdf

Il Museo degli Argenti. Collezioni e collezionisti PDF

Marilena Mosco, Ornella Casazza

Un volume sulla collezione del Museo degli Argenti (o del Tesoro granducale) nella Reggia di Pitti e sui collezionisti che le hanno dato vita: Lorenzo il Magnifico e Francesco I, Ferdinando I e Maria Maddalena dAustria, Mattias de Medici e il cardinal Leopoldo, Cosimo III e lElettrice Palatina. Unopera originale che ci permette di capire, attraverso le opere, la cultura e il gusto delle persone che quelle opere hanno scelto e voluto.

Il Museo MIIT di Torino ospita, dal 6 al 22 Giugno 2013, la mostra dedicata alla Collezione artistica Lino ed Ezia Dal Vecchio, presentando un consistente ... 10 mag 2016 ... INV. N. 1424. Museo degli Argenti di Palazzo Pitti. "La storia del Museo degli Argenti è legata alla storia dei Medici, delle loro collezioni e degli ...

1.62 MB Dimensione del file
8809037928 ISBN
Il Museo degli Argenti. Collezioni e collezionisti.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.thebestoftexasbarbecue.com o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Esce ora, per i tipi di Silvana e sempre in doppia lingua, lo studio sugli argenti europei, curato ancora una volta da Nera Laura e Manuele Scagliola, con la collaborazione di Thierry De Lachaise, responsabile del dipartimento di Argenti di Sotheby's a Parigi, e introdotto da Alain Gruber, storico dell'arte di fama internazionale specializzato in arti decorative.Il ricco volume (451 pagine) si Recentemente il Museo degli argenti di Firenze, ospitato al piano terreno di Palazzo Pitti, è stato ribattezzato con il più evocativo nome di Tesoro del Granduca.In effetti l’originaria denominazione, sebbene giustificata dalla presenza di una superba collezione di manufatti in argento provenienti da Salisburgo e appartenuti all’ultimo granduca di Toscana Ferdinando III di Asburgo Lorena

avatar
Mattio Mazio

14/03/2016 · This video is unavailable. Watch Queue Queue. Watch Queue Queue

avatar
Noels Schulzzi

Tra le collezioni più famose del Novecento, ci sono quella del banchiere inglese Henry Oppenheimer (1859-1932), dispersa nel 1936, e dell'inglese Sir Francis Cook (1817-1901) dispersa nel 1925. Entrambe contenevano molti pezzi della collezione Marlborough.

avatar
Jason Statham

collezioni, le quali poi sono diventate oggetto di imponenti donazioni a musei, andando ad amplificare quell'immagine di sé, di sostenitore del patrimonio culturale di una città o addirittura di una nazione, disinteressato o comunque lontano da intenzioni speculative2. Ciò che accomuna sicuramente questi grandi collezionisti della vecchia Tra le collezioni più famose del Novecento, ci sono quella del banchiere inglese Henry Oppenheimer (1859-1932), dispersa nel 1936, e dell'inglese Sir Francis Cook (1817-1901) dispersa nel 1925. Entrambe contenevano molti pezzi della collezione Marlborough.

avatar
Jessica Kolhmann

a cura di Elena Capretti, storica dell’arte Visite n.2. Le straordinarie collezioni medicee nel museo degli Argenti appuntamento alle 17 in piazza Pitti davanti alla biglietteria* n.b. La visita intende integrare gli argomenti trattati nel corso su i Medici svoltosi questo inverno solo su prenotazione Alla morte del cardinale, avvenuta nel 1675, la maggior parte delle sue opere entrarono nel nucleo delle collezioni granducali e molte di esse furono espressamente destinate dal nipote, il granduca Cosimo III, ad abbellire la Galleria degli Uffizi: l’ingresso sistematico delle opere di Leopoldo nelle raccolte del principale museo della casata toscana provocò uno dei più radicali