Wittgenstein. Lo sguardo e il limite.pdf

Wittgenstein. Lo sguardo e il limite PDF

Anna Boncompagni

«Non pensare, guarda!» è il richiamo esplicito delle Ricerche filosofiche di Ludwig Wittgenstein. L’attenzione al vedere, declinata in diverse prospettive, è però un elemento ricorrente nell’intera opera del filosofo viennese, un aspetto non sistematicamente indagato dalla critica, che in questo studio viene esaminato da ogni angolatura. La teoria raffigurativa del linguaggio e l’opposizione dire/mostrare, che caratterizzano il Tractatus Logico-Philosophicus, sono così messe a confronto con l’ottica fenomenologica degli anni successivi, con il metodo della rappresentazione sinottica, con il tema del vedere-come. Ne risulta un quadro complessivo che permette di leggere l’evoluzione del pensiero di Wittgenstein secondo un punto di vista particolare, cogliendo somiglianze impreviste, ma anche smascherando analogie solo apparenti. Proprio in quanto sguardo, la filosofia si rivela così un esercizio volto all’esplorazione dei limiti del linguaggio, del senso, della forma di vita.

Entra il commissario, ispeziona con lo sguardo la parete, il mosaico, ne deduce che c’è stato un delitto ma che l’assassino ne ha cancellato le tracce, e quindi non resta che interrogare il portinaio, il vicino di casa, il commesso degli alimentari, l’ubriacone sotto casa della vittima, etc. Il commissario redige un verbale nel quale sono accuratamente segnati gli oggetti: il divano Esso, cioè, ha questo di caratteristico: «che il mio sguardo non vaga irrequieto (come cercando) sull'oggetto; che non scambio per qualcos'altro [corsivo mio] l'aspetto di quel che vedo, ma afferro immediatamente un aspetto, e lo tengo ben fermo» (Ludwig Wittgenstein, Grammatica filosofica [Philosophische Grammatik, 1969], a cura di M. Trinchero, Firenze, La Nuova Italia, 1990, p. 129, § 116).

8.62 MB Dimensione del file
8857509095 ISBN
Wittgenstein. Lo sguardo e il limite.pdf

Tecnologia

PC e Mac

Leggi l'eBook subito dopo averlo scaricato tramite "Leggi ora" nel tuo browser o con il software di lettura gratuito Adobe Digital Editions.

iOS & Android

Per tablet e smartphone: la nostra app gratuita tolino reader

eBook Reader

Scarica l'eBook direttamente sul lettore nello store www.thebestoftexasbarbecue.com o trasferiscilo con il software gratuito Sony READER PER PC / Mac o Adobe Digital Editions.

Reader

Dopo la sincronizzazione automatica, apri l'eBook sul lettore o trasferiscilo manualmente sul tuo dispositivo tolino utilizzando il software gratuito Adobe Digital Editions.

Note correnti

avatar
Sofi Voighua

Anna Boncompagni, "Wittgenstein. Lo sguardo e il limite", Milano-Udine, Mimesis Edizioni, 2011, pp. 218. di Silvia Lanzetta 28.09.2015. Anna Boncompagni delinea la filosofia di Wittgenstein come sguardo posto sui limiti, inaccessibili alla scienza, del pensabile. Scopri il seminario su Wittgenstein nella rassegna Significati, evoluzione e cervello. Nel 1918, di ritorno dal fronte, Wittgenstein conclude il Tractatus logico-philosophicus, un’opera che doveva riguardare i fondamenti della logica, ma che era infine diventata una riflessione sull’ "essenza del mondo".. Wittgenstein inizia la sua carriera di filosofo come allievo di Bertrand Russell, il

avatar
Mattio Mazio

L'idea di questo confronto tra Wittgenstein e Rorty nasce dalla curiosità di ... alcuna necessità che limiti dall'esterno la contingenza, non c'è neppure uno ... se penetriamo la cosa con lo sguardo».34 La profondità cui aspira il logico, cioè, « sta ... Rimettersi alla sua volontà, infatti, significa distogliere lo sguardo dai fatti del ... dire; non è soltanto chiusura del linguaggio entro i suoi limiti, ma anche apertura  ...

avatar
Noels Schulzzi

L’arte, tramite le sue creazioni – che sono per loro natura finite – richiama quello stato d’animo, che apre lo sguardo sull’infinito. Ancora più chiaro Leopardi, che intuisce l’infinito solo perché la siepe gli ostruisce la vista: per percepire l’infinito, si rende necessario il limite. Entra il commissario, ispeziona con lo sguardo la parete, il mosaico, ne deduce che c’è stato un delitto ma che l’assassino ne ha cancellato le tracce, e quindi non resta che interrogare il portinaio, il vicino di casa, il commesso degli alimentari, l’ubriacone sotto casa della vittima, etc. Il commissario redige un verbale nel quale sono accuratamente segnati gli oggetti: il divano

avatar
Jason Statham

Così si legge in una delle prime pagine di Lo stupore e il caso, libro ... nel 1986, due anni prima di Sguardo e destino(1988) il primo dei tre saggi riuniti con L'altra ... da Kafka a Wittgenstein, da Freud a Musil, sembra essere pervenuta al limite ...

avatar
Jessica Kolhmann

30 gen 2018 ... In realtà, ancora con Wittgenstein, «i limiti del linguaggio sono i limiti del mio mondo». ... Uno sguardo-attraverso individua discutendo per tutto il libro il Kant ... Ed ecco allora lo scivolamento indolore dell'estetica nell'etica del ... Scavando, portando ai limiti tutti i suoi strumenti di logica e di ragione. L'appunto ... impressione di un Io-soggetto che lo conosce) e quello dell'unica totalità dei fatti ( in cui Io ... che come uno sguardo esterno ad esso, di natura metafisica?